Skip to content Skip to footer
Services

Esperienze

Volo aereo, volo a vela, scuola droni.
Protezione civile

Manifestazioni Sportive

Aviosuperficie e sport

L'aviosuperficie organizza e ospita numerose manifestazioni sportive durante tutto il corso dell'anno, grazie alle condizioni meteo dell'Alto Sebino caratterizzate da ampio soleggiamento e assenza di nebbia.

Eventi:
IN VOLO SENZA BARRIERE 2020

In volo senza barriere flyer

IN VOLO SENZA BARRIERE 2020:
I RINGRAZIAMENTI DEL PRESIDENTE GIANNI BONAFINI

La nostra Roberta alla sua seconda
esperienza di volo si è già prenotata 
per il 2021.
Giornata partita presto con l’attività di volo dei volontari Enrico Perola, Gianfranco Ceci, Battista Ferrari e di Davide Tosolini con il Cessna quadriposto, alla Biga (radio) Michele Marzoli e Paride Ducoli, servizio antincendio garantito dall’ANA di Darfo con Danilo Mariolini e la sua squadra, apparati di telecomunicazione dei volontari di protezione civile di Lissone con Nunzio Derchie e i suoi tecnici, ambulanza e idroambulanza di Camunia Soccorso con una squadra importante, assistenza in acqua agli idrovolanti a cura della Guardia Costiera Ausiliaria di Sarnico coordinati dal Com.te, Diego Nolli, I carabinieri in congedo hanno garantito la sicurezza sull’aviosuperficie, poi tutti i volontari anonimi di Centrovolonord e Iseo Lake Airfield (gli stessi) che da un mese si sono messi in testa di fare un evento che richiederebbe più strutture e più tempo ma pandemia e raccolta fondi (non facile di questi tempi) hanno messo un freno non indifferente alla realizzazione dell’incontro. Un grazie alla Polisportiva Disabili di Vallecamonica e al Panathlon che continuamente ci incoraggiano, a Graziano Mazzolari, Ludo Vezzani e Sergio Scaramuzzi dell’Aviazione Marittima Italiana e a tutti quanti ci hanno aiutato e, in modo particolare, agli imprenditori di Pisogne e di Costa Volpino.
Don Dario, parroco di Botticino, ha volato dalle 13.30 alle 19.30 portando in volo moltissimi ragazzi disabili. Insieme, con un tramonto stupendo, abbiamo riportato gli aeroplani in Hangar e ci siamo salutati dal finestrino con un “alla prossima volta”.
Grazie a tutti i disabili che con il loro sorriso ci hanno permesso questa giornata.


Partners di IseoLake Airfield:

Lake Hotel La Pieve
Moderno e raffinato hotel per vivere la vera essenza del Sebino con servizi di wellness and beauty per un soggiorno all’insegna del relax.
20% off for IseoLakeAirfield pilots and families.

www.lakehotellapieve.it

Lido Goia Pisogne
Un fantastico lido con piscina affacciato sul lago per giornate all’insegna del divertimento e  della spensieratezza.

https://www.facebook.com/lido.goia.pisogne

Gallery

Vieni a trovarci!

Che sia per un corso, un'esperienza di avvicinamento al volo, una manifestazione, conoscerai una fantastica realtà sospesa tra il blu cobalto del lago e il verde, la cultura e l'enogastronomia della Valle Camonica.

iseolakeairfield

LAND IN A BEAUTIFUL AIRFIELD!

La più bella aviosuperficie del sud Europa secondo i piloti

Il nostro territorio

Il territorio dell’Alto lago di Iseo è ricco di testimonianze storiche e naturalistiche di assoluto interesse. Prospicente all’aviosuperficie il Comune di Pisogne, delizioso borgo lacustre con importanti testimonianze artistiche.
A pochi chilometri i tesoro Patrimonio UNESCO delle incisioni rupestri della Valcamonica, vera e propria attrazione internazionale. Di fronte alla pista MonteIsola, L’isola lacustre più grande d’Europa.

La sponda bergamasca è caratterizzata da panorami molto diversificati.Partendo da sud, da Sarnico a Predore esistono tratti di spiaggia, poi il panorama diventa selvaggio con rupi a strapiombo e speroni di roccia (spettacolari sono gli orridi o “bögn” di Castro e di Zorzino), che si susseguono interrotti unicamente dai piccoli delta formati dai torrenti delle valli laterali, dove si trovano i paesi rivieraschi. Solo qua e là, in brevi spazi ben soleggiati, appaiono viti e olivi (la Sbresa è la coltivazione tipica) ; per il resto è tutta roccia nuda. Si susseguono gli abitati di Tavernola Bergamasca, Portirone (fraz. di Parzanica), Riva di Solto, Castro, Lovere. Alla confluenza del fiume Oglio nel lago, si trova Costa Volpino, seguito da Rogno, l’ultimo paese dell’alto Sebino e il primo della Val Camonica.

La ciclovia della Valle Camonica dal Tonale al Lago d’Iseo

Immagina un percorso ciclabile talmente lungo da abbracciare tutta la Valle Camonica, dai ghiacciai fino alle sponde del lago.
È la Ciclovia dell’Oglio: un tratto importante di un itinerario ciclabile europeo, che collega la Germania a Venezia e al Mediterraneo.

Nell’alta Valle Camonica, attraverso i Passi del Tonale e dell’Aprica, si congiungono ad est la trentina Val di Sole, con accesso alle piste ciclabili della Val di Non e della Val d’Adige, e l’Aprica, verso la Valtellina e lungo l’Adda, fino alla pista ciclabile che dalla Val Chiavenna porta in Svizzera. Un circuito internazionale che porterà da Venezia, lungo il Po e lungo l’Oglio, sino alle piste ciclabili di Svizzera, Austria e Germania fino alla Valle del Reno, al Lago di Costanza e oltre. 

La preistoria e i parchi d’arte rupestre, i romani in Valle, Il Medioevo e i Castelli

La Valle Camonica porta sul suo territorio le testimonianze di una storia ricca e antica oltre diecimila anni. Sono proprio i primi abitanti della Valle, la popolazione dei Camuni, a lasciare i segni più antichi e importanti di questo territorio: le incisioni rupestri di epoca preistorica. Nei secoli successivi la presenza del ferro ha attirato in Valle altri popoli, tra cui Etruschi, Celti e Romani. Questi ultimi hanno lasciato considerevoli tracce del proprio passaggio, soprattutto nella zona di Cividate Camuno e Breno. Anche il Medioevo ha lasciato una significativa quantità di segni, nella struttura dei borghi, nelle torri e nei castelli che ancora oggi caratterizzano il paesaggio di questi luoghi. In epoca più recente la Valle Camonica – nella fattispecie le montagne che sorgono tra Berzo Demo e il Tonale – è stata teatro di alcune tragiche vicende della Prima Guerra Mondiale. Oggi trincee, casematte e fortezze abbandonate sulle vette dell’Adamello sono i silenziosi segni lasciati dalla Guerra Bianca, così chiamata a causa delle aspre condizioni climatiche che caratterizzarono gli scontri.

Book Your Experience